Google+        

DOTT.SSA MARZIA PANTANELLA
Pedagogista Clinico

Dott.ssa Marzia Pantanella

Pedagogista clinico n°4024, Reflector n°2109,

Laureata in scienze dell’educazione, equipollente pedagogia.

Per richiedere un appuntamento:
Cell. 393 03 50 412
Oppure scrivere all’indirizzo mail:
pantanella.77@libero.it

Terminato il percorso di studio magistrale nel corso del tempo, Marzia ha deciso di continuare la sua formazione in diversi ambiti tutti con un focus ben preciso: la tutela/ sostegno del minore, la famiglia, il benessere della persona ad ogni età. Per questo motivo il percorso è variegato e le consente di affiancare la persona nei suoi bisogni in senso ampio dal minore, alla famiglia.

SI OCCUPA DI AIUTO EDUCATIVO ALLA PERSONA DI OGNI ETÀ:

  • Difficoltà nell’apprendimento in ambito scolastico (DSA)

  • Dislessia (difficoltà nell’imparare a leggere, in particolare nella correttezza e nella rapidità di lettura)

  • Discalculia (difficoltà negli automatismi del calcolo e dell’elaborazione dei numeri)

  • Disgrafia

  • Disortografia

  • Disordine dell’attenzione e dell’iperattività (ADHD)

  • Difficoltà emotivo relazionali e del comportamento

  • Difficoltà di attenzione e concentrazione

  • Faticabilità e demotivazione scolastica

  • Scarsa autostima

  • Difficoltà nella socializzazione

  • Bullismo

  • Sostegno alla genitorialità

  • Tutela del minore e della famiglia, nonché di maltrattamenti/violenze

  • Pedagogia giuridica


Alcune Metodologie utilizzate:

  • SELF per il risveglio delle abilità nell’autonomia e coscienza di sé

  • MPI® (Memory Power Improvement) per l’attentività e la mnesi

  • BonGeste per la grafo-espressività

  • Prismograph® per educare al segno grafico

  • EUcalculia per le abilità logico matematiche

  • Writing Codex per la codifica scrittoria

  • Educromo per la decodifica scrittoria

  • Edumovement per le esperienze organizzativo motorie

  • Ritmo Fonico, Coreografia Fonetica, Vibrotattile e Linguaggio-Azione, per l’ascolto, l’espressività e la comunicazione orale

  • InterArt® per lo sviluppo della creatività

  • Musicopedagogia® per la facilitazione delle modalità interattive

  • Discover Project®, Trust System®, TouchBall® (brevetto ISFAR), BodyWork® per l’esplorazione del corpo

  • Training induttivo per favorire il rilassamento

  • Reflecting® per favorire l’evoluzione positiva

  • Semiotica Senso-Percettiva per facilitare l’interazione

  • Psicofiabe®, Picturefantasmagory®, ClinicMentalPicture®, Cyberclinica® per favorire nuove disponibilità al rapporto

Questi metodi e l’approccio globale alla persona, anziché al solo problema, differenziano l’operare del pedagogista clinico da quello di altri professionisti come ad esempio il logopedista. Si lavora con la persona per ristabilire l’armonia ed arrivare alla difficoltà manifesta in modo funzionale alla individuazione di soluzioni proprie della persona stessa.

ALCUNI APPROFONDIMENTI:

PEDAGOGIA CLINICA
Per affrontare le varie difficoltà della persona vengono utilizzati metodi e tecniche proprie della pedagogia clinica, scienza innovativa che si occupa della persona, del suo benessere globale, dell’aiuto. La pedagogia clinica, è indirizzata al vasto panorama dei bisogni educativi della persona, imparare a colmare la rottura della stabilità nel percorso di vita, dal bambino, all’adulto, all’anziano, famiglia e gruppi, allo scopo di liberare l’individuo da ogni suo disagio permettendogli di ripristinare in sé rinnovata armonia e disponibilità verso gli altri. La pedagogia clinica esplora ed analizza le PAD potenzialità, abilità e disponibilità per conoscere la persona e dare al suo percorso un’accezione positiva.

DSA, DIFFICOLTÀ DELL’APPRENDIMENTO
Si intendono la dislessia (difficoltà nell’imparare a leggere, in particolare nella correttezza e nella rapidità di lettura), la discalculia (difficoltà negli automatismi del calcolo e dell’elaborazione dei numeri) la disgrafia, e la disortografia:
La disgrafia e la disortografia: cosa sono?
La disgrafia: La difficoltà nel lasciare traccia; A partire dalla scoperta della traccia; Il controllo del gesto e del tracciato; Ordine e disordine segnico-grafico; La complessità dei disordini; La persona che presiede al disordine grafico.
La diagnosi: La decifrazione estetica e l’indagine patologico-formale; Andare oltre la superficie; Il barometro delle abilità e disponibilità del soggetto; Il ventaglio di polisemie offerte con spontaneità eiettiva.
La disortografia: Il saper scrivere; La scrittura alfabetica; Le regole della grammatica; Disortografia e disordini ortografici; I “mal-écrivants” e le regole della morfologia e della sintassi.
La diagnosi: Analisi delle difficoltà nella comunicazione scrittoria; I disgrammatismi; Rilevazioni scopiche delle manifestazioni durante la scrittura; La maturità affettiva.

L’INTERVENTO SU EVENTUALE DSA
Per lo sviluppo delle abilità logico matematica uno dei metodi principe è l’EUcalculia non solo nel percorso ma affiancato da altri metodi utili alla reazione della persona.
Dislessia… due tra i metodi utilizzati Educromo e Writing Codex sempre sostenuti ed affiancati dal corredo funzionale allo sviluppo armonico della persona.
A chi si rivolge: minori in difficoltà scolastica prima o dopo un eventuale percorso in AUSL, genitori che vogliano informazioni-consulenze in merito a come stare vicino ai propri figli, scuole di ogni ordine e grado che vogliano proporre ai propri insegnati percorsi formativi…
Vantaggi: Ci si occupa della persona per arrivare al problema, si va verso un cambiamento globale dell’individuo in modo da consentirgli di individuare strategie proprie per la risoluzione delle difficoltà arrivando all’ autonomia. Non si addestra con schedine, programmi strutturati, ma si educa, si sta con il minore si gioca, ci si conosce proponendo esperienze funzionale al bambino che si ha di fronte, SI RISPETTA L’INDIVIDUALITA’. Con la persona si affianca indirettamente la famiglia stimolando la conoscenza delle caratteristiche del proprio figlio ed informando. In più si segue il minore nel suo percorso scolastico con incontri mirati con insegnanti per informare ed affiancare nell’ottica della collaborazione e del benessere del bambino/ragazzo. No a misure compensative o dispensative qualora la difficoltà non sia affiancata ad altre patologie. Non ci si sente sotto analisi

Ad esempio interventi di prevenzione e di recupero disgrafia e disortografia:
Esperienze pratiche

  • Spiralizzazione dell’intervento (dal punto alla produzione di tracciati realizzati con materiali diversi, differenti tonicità e impeti sonoro-vocalici)

  • Organizzazione spaziale e spazio-temporale

  • Organizzazione percettivo-corporea, cinestetica e vestibolare

  • Ricerca dell’aplomb e del punto egoico

  • Armonia e plasticità nella organizzazione gestuale

  • Rappresentazione del Codice Gestuale Corporeo

  • Corpo, simbologia alfabetica e coreografia fonetica

  • Dichiarazioni e affermazioni cibernetiche per il rinforzo ergico

  • Metodi strutturati a cui affidarsi per il recupero delle difficoltà grafo-segniche e codificatorio-scrittorie:Olivaux, Denner, Martenot, Bon Depart, Rieu.

ADHD, DISORDINE DELL’ATTENZIONE E DELL’IPERATTIVITÀ
Disordine dell’attenzione e dell’iperattività, solitamente le manifestazioni si presentano prima dei 7 anni, non sono causate da ritardo mentale ma da difficoltà oggettive nell’autocontrollo. I soggetti che presentano ADHD possono essere impulsivi, ipermotilici, instabili, non riescono a seguire ed interessarsi, sono in difficoltà nel portare a termine le attività intraprese.
A chi si rivolge: minori, genitori, scuole.
Vantaggi: attenzione alla persona, sviluppo delle abilità e potenzialità, gestione dell’autocontrollo graduale che non mettono il bambino fermo a sedere… strutturazione degli spazi. Alcuni metodi Touch ball e Discover Project…

 


Copyright © 2017 Professionisti Benessere. Powered by zen cart